PRESENTAZIONE DEL CE.A.S. (Centro Ambrosiano di solidarietà)

 

 

Il Ceas è un’organizzazione non lucrativa del privato sociale che dal 1986 si occupa di accogliere, accompagnare nella crescita, orientare e reintegrare nella società persone con esperienze di disagio individuale, familiare e sociale, aiutandole a raggiungere il maggior grado possibile di benessere e autonomia.

 

 

Inizialmente gli interventi educativi effettuati hanno tratto la propria ispirazione dal “Progetto Uomo” di Don Mario Picchi, una filosofia che si proponeva di promuovere lo sviluppo e la crescita dell’individuo affinché ogni persona potesse raggiungere o recuperare integrità e autonomia, tornando nella realtà sociale in grado di assolvere ai propri doveri e far valere i propri diritti.

Nel corso degli anni la metodologia di lavoro connessa a questa particolare ideologia si è naturalmente modificata sia in ragione delle persone che vi si sono trovate a partecipare, che dei diversi progetti intrapresi.

Le finalità principali del Ceas sono la promozione della solidarietà, la prevenzione, la cura e la riabilitazione di persone dipendenti, affette da disagio psichiatrico e/o psicosociale, nonché adolescenti e giovani italiani o stranieri a rischio di emarginazione.

Il Ceas esplica i propri compiti attraverso una collaborazione multidisciplinare che privilegia la pedagogia come sintesi dei diversi saperi. L’organizzazione mira a costruire un sistema dinamico, capace di valorizzare al proprio interno esperienze, stili e professionalità diverse: il risultato che vogliamo ottenere è quello di offrire ai singoli operatori ed ospiti l’opportunità di mettersi in gioco, di sperimentare il nuovo, di esprimere le proprie doti e la propria creatività, di esser propositivi ma anche critici in un’ottica costruttiva.

 

vista il sito : WWW.CEASMAROTTA.IT

 

 

 

 

 

                                                                            …

PRESENTAZIONE DEL CE.A.S. (Centro Ambrosiano di solidarietà)ultima modifica: 2007-10-09T19:30:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo