nl di redattoresociale

A:
destinatari non divulgati
Oggi su www.redattoresociale.it DiRE        n. 525

(Sintesi notizie principali del 18 gennaio 2010)

 

UNA BUSSOLA PER IL SOCIALE

Richiedi la nuova “Guida per l’informazione sociale”, edizione 2010

 

 

 

CASA – Sfratti, presidio a Roma per la proroga del blocco

Lo promuove l’Unione Inquilini domani sotto la prefettura: il blocco è scaduto il 31 dicembre. Anci: “Aspettiamo la proroga. Ma non basta”. Tricarico: “Chiediamo una riforma della legge 431/98 e incentivi per i proprietari che applichino canoni calmierati”. Nel 20088 52.699 richieste di esecuzione con un aumento del 171,62% rispetto al 2007, 2209 esecuzioni con la forza pubblica (+18,07%), pari a 10 sfratti al giorno, 7.574 nuove sentenze di sfratto (+32,55%), di cui 4.879 per morosità

– I movimenti scrivono al Papa. Invitati dal prefetto a smantellare il presidio che da quasi un mese si trova davanti all’assessorato alla Casa in occasione della visita del Pontefice alla Sinagoga, i movimenti per il diritto alla casa hanno risposto no. Le loro ragioni in una lettera indirizzata al Papa e al prefetto: “In questa città, chi ha bisogno di una casa da pagare in proporzione alle proprie tasche dovrà aspettare forse all’infinito, oppure, chi ne avrà la fortuna, soggiornare in residence privati pagati a peso d’oro”. Le istituzioni rispondono: oggi un incontro in Campidoglio. vai al sito>>

 

 

 

. E l’edilizia pubblica resta “al palo”: 650 mila persone in attesa e calano le costruzioni, dai 34 mila edifici l’anno realizzati negli anni ’80 ai 1.900 di oggi. 

 

 

ROM/SINTI – Roma, dal campo al Cara

Avviato stamane lo spostamento di 130 serbi e bosniaci richiedenti asilo dal campo di via di Salone al centro di Castelnuovo di Porto. Fugate le loro paure: i container restano a loro disposizione, potranno tornare dopo la decisione sulla loro richiesta di asilo. Il sindaco Alemanno: “Premessa per cominciare lo sgombero di Casilino 900”. 
Sesto fiorentino, rom sgomberati e abbandonati. Da 4 giorni 40 rom vivono per strada senza acqua, cibo e servizi igienici. Everyone ha presentato un esposto nei confronti del primo cittadino. “Mancato soccorso”, l’ipotesi di reato. vai al sito>>

 

CARCERE – Sulmona, nuovo tentativo di suicidio

 

L’uomo ha provato a strangolarsi con i lacci delle scarpe da tennis, salvato per un soffio dagli agenti di polizia penitenziaria. La struttura quasi al limite, rischia di esplodere a causa del sovraffollamento, e fa registrare un suicidio e 3 tentativi in meno di 20 giorni. Dei circa 500 reclusi, 120 hanno problemi psichici. La Uil penitenziari chiede la chiusura della sezione internati.

 

 

 

– Emilia Romagna, “stop alle case di lavoro per detenuti senza pena”. L’Assemblea regionale presenterà al parlamento una proposta di legge per l’abolizione di queste strutture per detenuti considerati “socialmente pericolosi” anche dopo la fine della pena, istituite nel 1930 dal Codice Rocco. Il consigliere Borghi: “Un’istituzione anacronistica, superata dai fatti e dai tempi. Di fatto in quelle case non c’è nessuna attività di lavoro e reinserimento”. vai al sito>>

 

 

 


 

DROGHE – Umbria: 18 morti per overdose nel 2009, il dato più basso da 15 anni

Ricerca della regione: diminuzione del 33% rispetto all’anno precedente. Il 94,4% sono uomini. Le fasce d’età: over 40 (44,4%) e 25-29 anni (33,3%). La causa più frequente: eroina (77%). L’assessore Stufara: “E’ la prima verifica della sperimentazione del programma nazionalem di cui la regione è capoliflam che prevede azioni di riduzione del danno”. vai al sito>> 

 

DISABILITÀ – Controlli invalidità, Inps: “Dalle Asl solo il 9% dei fascicoli”
Per le verifiche straordinarie sui casi di invalidità civile l’Inps ha ricevuto dalle Asl solo la minima parte dei fascicoli sanitari richiesti. Mastrapasqua: “Circa un quarto dei controlli su persone che non avrebbero dovuto piu’ essere visitate, poichè affette da menomazioni definitive”. Tra questi malati terminali, invalidi assoluti e persino persone in coma. “Per noi sono solo nomi di percettori, in assenza dei documenti”. vai al sito>>  

 

 

GIOVANI – Verona, la minaccia è l’alcol

I giovani veronesi rappresentano il 17% della popolazione provinciale, sono in buona salute, fanno molto sport ma hanno la tendenza a consumare alcolici. Il 13% è straniero. Il centro studi “GB Rossi” fotografa la situazione nel suo primo rapporto sulla condizione dell’infanzia in provincia e affida alle istituzioni 10 raccomandazioni. Parola chiave: coordinazione. vai al sito>>
 

 

Etc. etc. vai al sito>>

  

nl di redattoresocialeultima modifica: 2010-01-18T23:04:00+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo