MILANO – UNA RETE PER L’ALZHEIMER

ALZHEIMER. COMUNE, SABATO 21 SETTEMBRE PORTE APERTE A PALAZZO MARINO PER CONOSCERE I NUOVI SERVIZI
Presentazione della “Rete per l’Alzheimer” con i nuovi Centri di Assistenza in tutte le zone della città e incontro con associazioni e strutture attive sul territorio

Milano, 19 settembre 2013 – In occasione della ventesima Giornata mondiale dell’Alzheimer, sabato 21 settembre, Palazzo Marino per tutta la giornata apre le porte ad associazioni e milanesi per discutere della malattia e presentare “Una rete per l’Alzheimer”, il progetto realizzato e coordinato dal Comune di Milano cui partecipano le diverse associazioni attive sul territorio. Il progetto è partito lo scorso luglio con l’attivazione di un centralino della linea verde di Aima 800.679.679 (Associazione italiana malattia di Alzheimer) specificamente dedicato alla città di Milano da dove già proviene la metà delle chiamate a livello nazionale. La seconda fase è stata avviata a inizio settembre con l’apertura di nove Centri di Psicologia per l’Anziano e l’Alzheimer (CPAA), uno per ogni zona della città. Si tratta di punti di ascolto e consultazione per i problemi delle persone anziane, dove ricevere supporto psico-diagnostico e sostegno per l’ammalato e i suoi familiari, soprattutto nella fase iniziale della malattia. I Centri, dove sono presenti degli psicologi del Comune, hanno sede principalmente nelle Rsa (Residenze sanitarie assistenziali) comunali o convenzionate e nei Centri diurni integrati, multifunzione e socio-ricreativi. La terza grande tappa della Rete prevede la formazione degli assistenti familiari (badanti) con l’obiettivo di creare un registro di personale qualificato in grado di prendersi cura a pieno e in modo competente dell’anziano a loro affidato. Il progetto prevede infine il riconoscimento e la valorizzazione degli Alzheimer Café, già presenti nel Comune di Milano, luoghi di socialità e assistenza per i malati, di sollievo e sostegno per i familiari.

“La malattia di Alzheimer – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – rappresenta la vera emergenza della popolazione anziana anche a Milano dove i malati sono circa 14.000 con un incremento annuo di circa mille casi. Con il Tavolo coordinato dal Comune e il progetto della Rete, che raggruppa attività di varie associazioni, vogliamo dare una risposta concreta al bisogno di assistenza di queste persone e di sostegno e accompagnamento per i loro familiari. Il coordinamento tra le varie associazioni ha permesso di mettere insieme tutte le esperienze, le capacità e le risorse umane accrescendo le possibilità di intervento e l’efficacia delle iniziative. Il nostro obiettivo comune è ampliare sempre più l’offerta di servizi recuperando la centralità della persona, che nell’esperienza della malattia di Alzheimer è messa duramente alla prova, sia nel caso dei malati sia di chi gli è più vicino”.


 

 
MILANO – UNA RETE PER L’ALZHEIMERultima modifica: 2013-09-22T08:06:03+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo