MILANO: APRE LA CASA DELLE DONNE

Informazioni
La Casa delle Donne di Milano si trova in via Marsala 8. Mail: info@casadonnemilano.it
Iscrizioni: iscriviti@casadonnemilano.it

http://casadonnemilano.blogspot.it/

http://www.casadonnemilano.it/

 

Descrizione
L’Associazione è democratica, è basata sull’uguaglianza dei diritti e delle pari opportunità, si ispira a principi di nonviolenza, tutela i diritti inviolabili della persona e agisce per fini di promozione sociale, civile, culturale e scientifica.

Finalità e attività (articolo 2 dello statuto)
2.1 L’Associazione non ha fini di lucro neppure indiretto e si propone di svolgere attività di utilità sociale a favore delle socie e di terzi nel pieno rispetto della libertà e dignità di ognuno. In particolare il progetto sociale e culturale “Casa delle Donne di Milano” è il risultato di numerosi e significativi incontri tra diverse donne che hanno accolto l’invito della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano a promuovere forme di democrazia partecipativa. Dal confronto è emersa l’esigenza di aprire una “Casa delle Donne di Milano” non solo come luogo fisico, ma come espressione da un lato della presenza attiva delle donne nella città e della loro volontà partecipativa, e dall’altro del riconoscimento da parte dell’Amministrazione comunale dell’impegno quotidiano delle donne in ogni ambito. La Casa vuol essere un punto di riferimento per una trasmissione costante di esperienze e conoscenze che favoriscano l’inserimento di ognuna e di tutte nel contesto cittadino, tenendo conto delle molteplici diversità dovute alla cultura di origine, all’età anagrafica, alla condizione sociale, alla scelta sessuale e alle posizioni culturali e politiche: un modo per fare rete e sviluppare progettualità comuni, un’occasione strutturata di comunicazione, un’opportunità di confronto con l’Amministrazione cittadina.
2.2 Pertanto premesso:
– il riconoscimento delle donne come portatrici di cambiamento e di trasformazione nella società e nelle diverse forme di famiglia,
– il riconoscimento del loro impegno nella convivenza pacifica, nei processi di pace, nella lotta alla povertà, nel miglioramento delle condizioni di vita e nel rispetto dei diritti dei popoli all’esistenza, all’autodeterminazione, alle risorse, alla cultura e alla tutela dell’ambiente,
– il valore imprescindibile del dialogo tra le culture nel rispetto delle differenze costitutive dell’individualità di ognuna,

l’Associazione, nello specifico, si propone di perseguire le seguenti finalità:
– promuovere e sostenere l’incontro, il dialogo paritario e la reciproca conoscenza fra donne di culture diverse;
– favorire la fiducia delle donne e delle ragazze nelle proprie capacità;
– sostenere ogni azione volta al riconoscimento dei diritti delle donne e alla promozione del loro ben-essere e della loro salute psico-fisica;
– promuovere iniziative politiche e culturali volte a contrastare atteggiamenti omofobici e comunque discriminatori verso le persone di diversa identità e orientamento sessuale;
– contrastare ogni forma di discriminazione e promuovere le pari opportunità in ogni ambito;
– svolgere ogni attività sociale, culturale e di cittadinanza attiva a sostegno dell’autodeterminazione delle donne rispetto al proprio corpo, alla maternità e alle scelte di vita;
– affermare il diritto delle donne all’esercizio della piena cittadinanza e all’istruzione in Italia e nel mondo;
– attivare gruppi di lavoro e di studio in una prospettiva di genere;
– diffondere l’informazione e la sensibilizzazione sui temi delle Piattaforme delle Conferenze delle Nazioni Unite sulle donne, nel quadro dei programmi di azione per l’uguaglianza e le pari
opportunità dell’Unione Europea, sulle parti della legislazione italiana che li ha recepiti, e perseguire gli obiettivi strategici enunciati nella Conferenza delle Nazioni Unite di Pechino nel 1995;
– valorizzare i talenti delle donne che, in tutti i campi delle arti e dei saperi, hanno meritato e meritano un riconoscimento adeguato.

MILANO: APRE LA CASA DELLE DONNEultima modifica: 2014-01-19T00:23:20+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo