Le rette dei ricoverati nelle R.S.A. e nei C.D.I. devono essere a carico solo degli assistiti e dei comuni e non dei familiari

  

 

UNA SENTENZA IMPORTANTE:

“Le rette dei ricoverati nelle R.S.A. e nei C.D.I. devono essere a carico solo degli assistiti e dei comuni e non dei familiari.”

 

Con la sentenza n, 1607 del 16 marzo 2011 il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del TAR che obbliga il Comune di Cinisello B. a pagare la quota della retta della R.S.A. Martinelli non coperta dal reddito dell’assistito.

Sappiamo bene che il Comune ha problemi di bilancio.

Anche altri comuni coinvolti hanno analoghi problemi.

E’ necessario quindi che i comuni si organizzino per affrontare il problema in tre direzioni:

1.    aumentando il più possibile i propri stanziamenti,

2.    ponendo con forza la richiesta alla Regione Lombardia di intervenire con proprie risorse, come richiesto nella proposta di legge regionale n. 53 approvata da diversi comuni.

3.    verificando se tra i ricoverati vi sono persone che, per le malattie di cui soffrono, possono e devono essere messe a totale carico della sanità.

Per discutere di questa importante problematica è stata promossa una iniziativa:

 

ASSEMBLEA PUBBLICA

Venerdì 13 maggio-ore 20.30

c/o Comune di Bresso

Via Roma 25

 

Sono stati invitati in particolare:

         i comuni del distretto: Bresso-Cinisello B. – Cormano –Cusano M.

         le forze politiche

         le associazioni e le Organizz. Sindacali

         i rappresentanti della ASL

 

 

Milano, 28 aprile 2011

Le rette dei ricoverati nelle R.S.A. e nei C.D.I. devono essere a carico solo degli assistiti e dei comuni e non dei familiariultima modifica: 2011-04-28T08:20:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo