Guida al Turismo Sociale

Dedicata ai turisti con esigenze specifiche

È la “Guida al Turismo Sociale”, voluta dalla Società Editrice Vannini, per promuovere il turismo e le bellezze dell’Italia, dando appunto la possibilità alle persone con esigenze specifiche di muoversi avendo a disposizione i dati dei più importanti servizi, oltreché elencando le sedi più idonee per la loro ospitalità e facendo conoscere gli eventi e le proposte culturali delle varie zone, con indicazioni sul loro grado di accessibilità e fruibili. Nel 2010 ne era uscito il volume deidcato al “Nord Italia”, ora è fresco di stampa quello sul “Centro Italia”

Un paesaggio delle Marche, una delle Regioni di cui si parla nel nuovo volume della «Guida al Turismo Sociale»
Un paesaggio delle Marche, una delle Regioni di cui si parla nel nuovo volume della «Guida al Turismo Sociale»Promuovere il turismo e le bellezze dell’Italia, dando in particolare la possibilità alle persone con esigenze specifiche di muoversi avendo a disposizione i dati dei più importanti servizi (ASL, USSL, servizi di emodialisi, unità spinali, consorzi termali, centri socio-assistenzali, trasporti speciali, farmacie, ortopedie, negozi per intolleranze ecc.), oltreché elencando le sedi più idonee per la loro ospitalità e facendo conoscere gli eventi e le proposte culturalidelle varie zone (musei, feste, manifestazioni ricorrenti), con indicazioni sul loro grado di accessibilità e fruibilità: era stato avviato per questo il Progetto Guida al Turismo Sociale, voluto dalla Società Editrice Vannini, da tempo impegnata in pubblicazioni legate al mondo del turismo, della scuola, dell’intercultura, della disabilità e della solidarietà.
E dopo l’uscita nel 2010 del primo volume, dedicato al Nord Italia – del quale anche il nostro sito si era ampiamente occupato (se ne legga cliccando qui) – arriva ora il secondo, riguardante il Centro Italia (Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria e Abruzzo), con l’obiettivo di ultimare l’opera entro la fine del 2012, dando alle stampe anche il volume centrato sul Sud Italia (Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna).

Suddivisa in trentacinque capitoli provinciali, la guida del Centro Italia è il frutto anche questa volta di una ricerca – condotta tra il novembre del 2010 e il giugno del 2011 – che si è avvalsa della fondamentale collaborazione delle varie Amministrazioni Provinciali e Regionali coinvolte e anche di associazioni che si occupano di disabilità.
Alle numerose informazioni presenti, si affiancano sempre vari simboli, che indicano di volta in volta le situazioni di accessibilità per le persone in carrozzina o con ridotta capacità di movimento, ma anche per quelle con disabilità visiva e uditiva, oltre a informare sull’accoglienza riservata alle persone con disabilità intellettiva o psichica.
Uno strumento, in conclusione, certamente degno di nota, da considerare per altro in continua, potenziale evoluzione, grazie alla stessa collaborazione dei Lettori. Gli stessi curatori, infatti, nel presentare il progetto avevano invitato tutti «a segnalare le imprecisioni riscontrate, al fine di migliorare sempre più l’affidabilità dei dati proposti, negli aggiornamenti e nelle future ristampe della Guida». (S.B.)

Sia la prima Guida al Turismo Sociale (Nord Italia) che la seconda (Centro Italia) sono disponibili presso la Società Editrice Vannini (rispettivamente al costo di 18 e di 20 euro). Per informazioni: Emanuele Luca (responsabile editoriale), turismosociale@vanninieditrice.it.
Guida al Turismo Socialeultima modifica: 2012-03-13T09:26:58+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo