6/6 a Torino il primo bikepride

– Torino Vive – Ecologia – Ambiente – Un Altro Mondo Possibile – COMINCIO IO –

Il 6 giugno, giornata successiva alla Giornata Mondiale dell’Ambiente e all’inaugurazione del Bike Sharing di Torino nonché data di chiusura del festival Cinemambiente, si svolgerà a Torino il primo Bike Pride. Chiunque voglia partecipare può mettersi in contatto con gli organizzatori tramite il sito: http://www.bikepride.it/.

Giuliana

Torino ospita il primo Bike Pride

La città, che negli ultimi anni ha visto un importante incremento della mobilità ciclabile, sarà invasa in modo festoso e pacifico da una parata di biciclette e di mezzi ecologici con la volontà di consegnare ad istituzioni e cittadini, un messaggio forte di legittimazione culturale e sociale, di rivendicazione di spazi e di tutele a favore del ciclista urbano come soggetto attivo nella difesa dell’ambiente.

In città chi sceglie le due ruote è continuamente esposto a rischi eppure la bicicletta è il mezzo più comodo, efficiente ed ecologico e investire sulla mobilità ciclabile significa ridurre inquinamento, traffico e incrementare la sicurezza stradale. Per questo motivo, con il Bike Pride si vuole esortare ad una politica di maggiore tutela e impegno verso i cittadini che scelgono modalità di trasporto che offrono maggiori vantaggi ambientali, sociali ed economici a città e cittadini.

La data, il 6 giugno, è significativa: giornata successiva alla Giornata Mondiale dell’Ambiente e all’inaugurazione del Bike Sharing di Torino, sarà anche data di chiusura del festival Cinemambiente. Una giornata importante nata per sottolineare che le due e le quattro ruote possono coesistere senza problemi e nel reciproco rispetto per un città più a misura d’uomo e di bicicletta.

Il corteo partirà dal Parco del Valentino alle 15.30, dove sport e ambiente sfileranno uniti durante la giornata dello sport promossa dal comitato provinciale del CONI e percorrerà alcune strade del centro per arrivare alle 17 in piazza Castello per una fotografia simbolica di una città che almeno per un giorno, è stata consegnata ad un traffico ad emissioni zero.

Il Bike Pride è organizzato con la collaborazione delle associazioni ambientaliste e sportive a sostegno della mobilità ciclabile e sostenibile: Bici & Dintorni, Bici e Basta, Bicicliamo, Ciclobus, ciclofficna ABC, Federciclismo Piemonte, Intorno, Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta O.n.l.u.s., Legambiente Ecopolis, Legambiente Metropolitano, Muovi Equilibri, Polisportiva UICI e con la collaborazione di CinemAmbiente e del Comitato Provinciale del CONI.

www.bikepride.it

organizzazione@bikepride.it

Il ciclista non fa code, non ha problemi di parcheggio. Procede spavaldo, impettito, e il suo agile veicolo gli trasmette una tranquilla solennità. Beffardamente sorpassa l’automobilista imbottigliato nel traffico, rattrappito fra schienale e sedile in una regressiva posizione fetale. Il ciclista è anche un inventore. Tra una pedalata e l’altra, con i capelli scompigliati dal vento, costruisce e impone la propria dimensione del vivere nella confusione della città: il mondo, visto dal sellino, appare diverso (Didier Tronchet, Piccolo trattato di ciclosofia).Si svolgerà a Torino, tradizionalmente capitale dell’auto, il primo Bike Pride, un grande corteo ambientalista a favore della mobilità ciclabile e sostenibile.

6/6 a Torino il primo bikeprideultima modifica: 2010-05-17T07:54:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo