1000 TRENI PER I PENDOLARI

Con mille treni si respira meglio
Viaggiare in carrozza aiuta il clima, combatte traffico e inquinamento. Ma un treno pendolare su tre arriva in ritardo e le Regioni destinano solo lo 0,4% dei loro bilanci alle infrastrutture ferroviarie.

I cittadini che ogni giorno usano autobus, treni o bici meriterebbero una medaglia al valor civile. Non intasano le nostre strade e contribuiscono al miglioramento della qualità dell’aria delle città. Devono fare i conti, però, con servizi sempre più scadenti. Basti pensare ai treni pendolari: uno su tre arriva in ritardo e le Regioni italiane destinano solo lo 0,4 per cento dei loro bilanci all’acquisto di nuovi convogli e al rinnovo delle infrastrutture ferroviarie.

In Italia aveva suscitato molte speranze il progetto “1.000 treni per i pendolari”, annunciato dalle Ferrovie dello Stato nel 2007. La buona notizia, però, ha avuto vita breve: il progetto non è mai stato finanziato. In queste condizioni disagiate, solo il 15 per cento dei pendolari italiani si muove su treno e non vi è dubbio che far crescere questa quota sia un obiettivo strategico per il nostro Paese.

Per questo motivo Legambiente da tre anni ha ideato la campagna Pendolaria, che monitora i ritardi e i disservizi delle ferrovie. La nuova tappa della campagna è ora una petizione on line indirizzata a Governo, Parlamento e Regioni per chiedere il finanziamento del progetto “1.000 treni per i pendolari” (più convogli nelle ore di punta, puntualità, igiene e sicurezza) e investimenti per migliorare le stazioni e offrire abbonamenti a prezzo scontato.

Tutti possiamo aderire alla petizione andando sul sito legambiente.eu. Le firme saranno consegnate a metà febbraio. L’iniziativa avrà un impatto positivo anche per quanto riguarda i cambiamenti climatici. In Europa, infatti, nel 2007 le emissioni annue di Co2 prodotte da auto e altri mezzi di trasporto sono aumentate di 58 milioni di tonnellate rispetto a quanto avveniva nel 1990. Non basta quindi utilizzare modelli di quattro ruote sempre più verdi; occorre ripensare il nostro modo di muoversi e utilizzare di più treni e mezzi pubblici. Forza, dunque. Pendolari o no, andiamo sul sito di Legambiente e con un click aiuteremo a pulire l’aria.

TESTO DI: MARCO MENICHETTI

1000 TRENI PER I PENDOLARIultima modifica: 2010-01-27T11:28:55+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo